Notizie

Il ritorno degli Dei

Martedì 10 agosto, dalle 20.30
Secondo appuntamento di Archeologia di Sera 2021
al Civico Museo d’Antichità “J.J. Winckelmann”

Ingresso libero da piazza della Cattedrale 1 (accesso disabili via San Giusto 4, suonare)
Ingresso libero fino ad esaurimento dei posti (massimo 99) come da disposizioni di prevenzione anti-COVID. Si ricorda che sarà necessario per l’accesso al comprensorio museale esibire il Green pass o i certificati riconosciuti come disposto dal Decreto Legge n. 105 del 23 luglio 2021.

La serata inizierà alle 20.30 con il preludio musicale di Teodora Tommasi (soprano, arpa tripla) e Federico Rossignoli (liuto, chitarra rinascimentale) che daranno voce a “Il ritorno degli Dei”, sogni classici nella musica del Rinascimento. Parte I

 

Cratere campano a figure rosse raffigurante Dioniso e un vecchio satiro (350-320 a.C.) dalle collezioni del Museo Winckelmann

Alle ore 21 sarà la volta degli “Olimpici frequentatori dell’aldilà”
Dopo il successo della prima serata si prosegue sul tema delle “Cose dell’altro mondo” passando alla visione dell’inferno del mondo classico a cura di Marzia Vidulli Torlo.
Il punto di partenza saranno, come di consueto, alcuni reperti delle collezioni del Museo e in particolare di quella degli Arcadi Sonziaci, esposta accanto al monumento a Winckelmmann, e altri reperti delle ricche raccolte di vasi greci. Saranno raccontare le figure degli dei collegati all’Oltretomba con immagini tratte dal repertorio antico e da quello legato alla fortuna dei miti; immagini accompagnate da letture dei passi di autori come Omero, Ovidio, Seneca e Orazio. Plutone rapisce Persefone e fa impazzire Demetra, Dioniso scende nell’Oltretomba a recuperare l’anima della madre Semele, Eracle compie la sua ultima fatica catturando il mostro Cerbero e riporta al mondo Teseo.
Chiuderà la serata la “visita virtuale” alla sezione dei vasi greci: una spiegazione a distanza che precederà la visita vera e propria, da effettuare individualmente.

tel. 040-310500
museowinckelmann@comune.trieste.it